Unesco

[ITA]

Iscritta alla Lista del Patrimonio Immateriale dal 2019, la celebrazione della Perdonanza Celestiniana è viva testimonianza di una tradizione che giunge a noi direttamente dal medioevo. Comprende riti e celebrazioni che si tramandano ininterrottamente dal 1294 e che forniscono un senso di continuità e di identità culturale all’intera comunità della città e della provincia dell’Aquila.

La tradizione fu ispirata da Papa Celestino V, che nel 1294 emanò una storica Bolla pontificia con la quale concesse l'indulgenza plenaria a chiunque, confessato e pentito, si fosse recato nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio tra i vespri del 28 agosto e i vespri del 29 agosto di ogni anno attraversando la porta santa appositamente aperta.

La celebrazione della Perdonanza è scandita da momenti ben precisi che si svolgono nell’arco di due settimane e iniziano il 16 agosto con il “Cammino del perdono”, che attraversa ventitré villaggi lungo un itinerario di 80 km e termina il 23 agosto all’Aquila, dove inizia una serie di eventi culturali e rievocazioni fino al 28 agosto, giorno in cui si svolge il “Corteo della Bolla”, dal centro storico alla Basilica di Collemaggio. La parata storica coinvolge tutta la comunità ed ha come protagonisti principali la Dama della Bolla, il Giovin Signore e la Dama della Croce, i personaggi che simboleggiano i tre valori tradizionali che ispirano la cerimonia: l'ospitalità, la solidarietà e la pace.

Per ulteriori approfondimenti è possibile visitare il sito italiano dell'UNESCO.


[ENG]

Celestinian forgiveness celebration

Italy

Inscribed in 2019 (14.COM) on the Representative List of the Intangible Cultural Heritage of Humanity

The Celestinian forgiveness celebration was inspired by Pope Celestine V, who issued a historical ‘Bull’ as an act of partnership among local populations. Taking place in the city and province of L’Aquila, the tradition comprises a set of rituals and celebrations transmitted uninterruptedly since 1294. The practice conveys a sense of continuity and cultural identity for the whole community. The ‘Forgiveness Walk’ opens with the lighting of the ‘Fire of Morrone’ and its descent, accompanied by a candlelight procession. The procession proceeds along a traditional itinerary marked by the lighting of tripods in each of the twenty-three villages involved, where the mayor signs a parchment recalling the Bull’s symbolic values. The community gathering ends on 23 August in L’Aquila with the lighting of the last tripod. Drums, clarions and flag bearers enliven and mark the rhythm of the Parade, which involves 1000 citizens dressed in traditional costumes. Participants walk along with the three main characters – the ‘Lady of the Bull’, the ‘Young Lord’ and the ‘Lady of the Cross’ – symbolizing the traditional values of the celebration: hospitality, solidarity and peace. The meanings and traditional practices of the element are transmitted through tales told at home, in schools and in community gathering places, and the community’s constant participation in the celebration has ensured its viability over time.

For further information, you can visit the UNESCO site.