I quarti dell'Aquila

La suddivisione della città dell'Aquila nei cosiddetti “quarti” avvenne su iniziativa, nel 1276, di Lucchesino da Firenze che divise in quattro parti castelli, possedimenti e ville del contado, non solo dell'area cittadina. Nel tempo si plasmò, fra gli abitanti, un forte e radicato spirito di appartenenza al proprio quarto tanto che, pur cambiando località di residenza all'interno della città stessa, si restava legati al vecchio castello di provenienza. Ogni comunità costruì all'interno del quartiere una fontana, una piazza, una chiesa consacrata allo stesso Santo del Castello. Si stabilì che ogni quarto avesse la sua bandiera e solo più tardi i quarti si distinsero per i colori che anche oggi conosciamo.

Cartina deli quarti della città dell'Aquila

  • Stemma San Marciano

    San Marciano

    Castelli del quarto:
    Contrada Cavalli, Civitatomassa, Genzano di Sassa, Lucoli, Zona Palazzo di Giustizia, Rocca di Corno, Roio e frazioni, Scoppito, Tornimparte, Vigliano, Zona Vetoio, Zona Rivera.
  • Stemma San Pietro a Coppito

    San Pietro a Coppito

    Castelli del quarto:
    Arischia, Barete, Cagnano, Cansatessa, Cascina, Zona Colle Pretara, Collebrincioni, Coppito, Forcella, Pettino, Pile, Pizzoli, Preturo, Pozza, Santanza, Santa Barbara, San Marco, San Vittorino.
  • Stemma Santa Maria Paganica

    Santa Maria Paganica

    Castelli del quarto:
    Assergi, Aragno, Barisciano, Bominaco, Camarda, Caporciano, Civitaretenga, Collepietro, Filetto, Gignano, Navelli, Paganica, Pescomaggiore, Poggio Picenze, San Benedetto in Perillis, San Demetrio, Sant'Elia, San Giacomo, San Gregorio, San Nicandro, San Pio delle Camere, Tempera, Torrione.
  • Stemma Santa Giusta

    Santa Maria Paganica

    Castelli del quarto:
    Bagno, Civita di Bagno e frazioni, Bazzano, Beffi, Campana, Fagnano, Fontecchio, Fossa, Goriano Valli, Monticchio, Ocre, Pianola, Rocca di Mezzo, Rocca di Cambio, Sant'Eusanio Forconese, Stiffe, Tione, Torretta, Villa Sant'Angelo.

Indietro